Nuove sfide per il recupero dati

giovedì 9 agosto 2018 di Michael Nuncic

Le piccole cose creano talvolta grandi problemi! Ciò che può essere vero in molte situazioni della vita di tutti i giorni è particolarmente vero nel recupero dati. Fin dagli albori dell'elettronica informatica, la perdita dei dati e il data recovery hanno sempre rappresentato un problema per ogni utente. In questo articolo parleremo delle principali sfide che gli esperti di recupero dati di Ontrack Data Recovery affrontano oggigiorno (e non solo loro...). Cosa tratteremo:

  • con il diffuso utilizzo di economiche soluzioni NAS da parte sia dei consumatori che delle imprese SMA, le precedenti funzionalità high-end come deduplica e thin-provisioning sono diventate standard e vengono ampiamente utilizzate. Inoltre, il numero di dischi e lo spazio storage combinato sono aumentati drasticamente.
  • Molti clienti spesso non hanno idea di ciò che stanno tecnicamente facendo quando utilizzano determinate funzionalità nei propri sistemi server o storage. Il risultato è che si crea un altro data layer in cima alla normale struttura dati o, ancora peggio, si mescolano diverse logiche software, il che rende veramente complesso effettuare un recupero.

Come tutto è cominciato

Il recupero dati è diventato davvero un business importante con un notevole incremento della domanda negli anni '90. Si è diffuso l'utilizzo di personal computer di piccole e medie dimensioni (PC) così come dei supporti di storage, come floppy disk e dischi rigidi. Si sono diffuse le cartucce a nastro, come quelle di Iomega (unità Zip) o di altri vendor.

Tuttavia, le tecnologie dietro lo storage dei dati su questi supporti non sono cambiate molto. Ancora oggi i sistemi operativi consumer più comuni sono Windows, macOS o Linux (gli ultimi due si basano entrambi sul sistema operativo enterprise Unix). Pertanto, i file system che vengono utilizzati nelle versioni recenti dei sistemi operativi sono per lo più modernizzazioni delle versioni precedenti utilizzate in quegli SO, con anni di utilizzo da parte degli utenti prima che un vecchio file system risulti totalmente obsoleto. Lo stesso vale per i fornitori di servizi di recupero dati e per i loro esperti. Anche loro hanno avuto diversi anni per accumulare esperienza e conoscenza per affrontare sfide differenti.

Anche se ogni caso di perdita di dati e ogni progetto di recupero sono differenti, essi possono dipendere da alcuni fattori di base: i file system dei sistemi operativi restano gli stessi per anni fino a che non vengono cambiati completamente.

Nella maggior parte dei casi, tuttavia, il sistema operativo continua a supportare la lettura e la scrittura di file nel vecchio sistema e talvolta supporta anche i file system di altri sistemi operativi, come per esempio exFat in macOS. Semplicemente, i tecnici possono recuperare i dati da questi sistemi operativi e file system grazie all'esperienza acquisita.

La situazione attuale

Da diversi anni, comunque, alcuni nuovi sviluppi nella tecnologia informatica hanno reso più complicati i progetti di recupero dati:

  • alcuni vendor hanno aggiunto un altro data layer al normale sistema operativo e al file system. Questi prodotti, per lo più computer NAS o prodotti enterprise high-end, creano un big data lake utilizzando il proprio layer software, il che significa che il software del vendor decide dove archiviare ciascuna parte di un file. Tuttavia, quando qualcosa va storto dal punto di vista della logica, gli esperti sono obbligati a ricreare per prima cosa questa logica, altrimenti non possono arrivare fino al "vecchio" file system e ai dati rar.
  • Anche i sistemi NAS "economici" sono ora dotati di funzionalità high-end, come thin-provisioning e deduplica, incluse nelle loro offerte. Questo è il motivo per cui tanti clienti non si preoccupano molto di selezionare ogni possibile funzionalità che sia disponibile. Tuttavia, nel caso qualcosa vada storto con questo sistema, gli esperti di recupero dati devono gestire molti livelli di dati più complessi e la loro logica sottostante.
  • I clienti fanno più errori di quanti erano soliti farne in precedenza e ciò rende più che mai difficile effettuare con successo il recupero dei dati. Un buon esempio è il problema della tecnologia Fusion Drive di Apple. Non si tratta proprio di un problema con un dispositivo hardware Apple, ma piuttosto di un problema client. Apple ha introdotto una soluzione con hard disk ibrido chiamata Fusion Drive, implementata in parecchi dei suoi computer solo un paio di anni fa. Per quanto riguarda la tecnologia, Fusion Drive consiste in effetti in due dischi rigidi separati: un SSD e un HDD normale. Quando i clienti chiedono il recupero dei dati, pensano di dover semplicemente spedire il disco HDD a una società di recupero dati. Non è questo il caso! I dischi funzionano solo insieme e così un tecnico di recupero dati ha bisogno di entrambi i dischi. Inoltre, l'utilizzo di uno di questi dischi in un altro sistema Apple potrebbe precludere per sempre qualsiasi possibilità di recupero.

Un altro errore che i clienti fanno più spesso rispetto al passato (l'errore con cui gli esperti di recupero dati combattono ora, quasi in ogni occasione) consiste nel fatto che non dispongono di una reale documentazione relativa alla configurazione dei propri sistemi. Dato che i sistemi NAS in particolare si sono ora diffusi anche negli ambienti consumer, sembra che essi vogliano semplicemente che il sistema funzioni, ma non vogliono perdere tempo con un'installazione perfetta e con la documentazione. In combinazione con il fatto che gli spazi di storage sono diventati sempre più grandi negli ultimi anni e sempre più progetti di recupero di singole unità iniziano con 1 TB di dati, è necessario più tempo per il semplice fatto che i dati devono essere "afferrati" nel dispositivo e trasferiti nella server farm di Ontrack per un'ulteriore elaborazione. Il risultato è che un tipico progetto di recupero dati e un rebuild del sistema impiegano oggigiorno più tempo e sono più complessi di quanto non siano mai stati prima d'ora.

Puoi trovare ulteriori informazioni sui servizi e sui prodotti di Ontrack Data Recovery qui: https://www.ontrack.com/it-it/

 

 

 

Load more comments
Thank you for the comment! Your comment must be approved first


Nuovo codice