Go to Top

5 canzoni per cancellare i dati

Il modo in cui le organizzazioni cancellano i dati è importante quasi quanto il modo in cui li archiviano. Le aziende spendono tempo, energia e denaro per proteggere scrupolosamente i dati per tutto il loro ciclo di vita, ma raramente si pone lo stesso livello di attenzione quando si arriva alla fine del loro periodo di conservazione.

La cancellazione dei dati è un tema molto importante, su cui la tua azienda dovrebbe certamente porre attenzione anche in considerazione delle politiche di conservazione e dismissione dei dati. Tuttavia, in questo post faremo un passo indietro con il supporto del nostro fidato jukebox.

Come avviene di consueto quando ricorriamo ironicamente alla musica, ecco un rapido riepilogo di alcuni materiali essenziali di cui avrai bisogno durante la lettura di questo post:

  1. Una bevanda a tua scelta (noi raccomanderemmo una buona birra)
  2. Qualcosa da sgranocchiare (i biscotti sono al primo posto del nostro elenco)
  3. Qualcosa su cui poggiare i piedi (la scrivania è la scelta ottimale, ma una torre sapientemente costruita con dischi rigidi adeguatamente ripuliti ti farà di certo guadagnare dei punti)

Siamo pronti? Allora lascia che ti presentiamo le 5 canzoni in cima alla nostra classifica per la cancellazione dei dati dai dispositivi di storage.

1.     A Little Respect – Erasure

https://www.youtube.com/watch?v=x34icYC8zA0

Mostrami un po’ di rispetto.

In cima alla classifica troviamo questa hit del 1988 degli Erasure, un nome particolarmente adatto. A differenza del 1988, un periodo in cui ti consideravi fortunato se avevi a disposizione una capacità totale di 20 MB sul tuo Prairie Tek 220, i dispositivi di oggi archiviano, in confronto, enormi quantità di dati, che necessitano di essere cancellati in maniera adeguata quando raggiungono la fine della propria vita.

Le ripercussioni nel caso in cui i dati non vengano cancellati in maniera corretta potranno essere gravi, in particolare dal punto di vista finanziario al momento dell’introduzione del GDPR. Il suggerimento è già contenuto nel titolo: assicurati di dare al processo di cancellazione dei dati il rispetto che merita per evitare multe salate e danni alla tua reputazione.
Se pensi che significhi semplicemente ‘cancellare’ i dati, o formattare il tuo dispositivo, allora devi rifletterci ancora…

2.     I’m Still Standing – Elton John

https://www.youtube.com/watch?v=ZHwVBirqD2s

E pensavi che questo sciocco non avrebbe mai potuto vincere? Beh, guardami, sto tornando.

Facciamo un salto indietro di cinque anni, fino al 1983, a questa hit di Sir Elton. Questa è semplice: è la canzone che canterebbero a squarciagola i tuoi dati nel caso pensassi che semplicemente premendo ‘elimina’ o formattando il dispositivo li avrai tranquillamente rimossi tutti.
Per sbarazzarti adeguatamente dei tuoi dati hai bisogno di software e/o hardware specifici che completino il lavoro, distruggendo i tuoi dati una volta per tutte, in modo che non si ripresentino mai più! Fidati di noi: i tuoi dati non cantano molto bene e se glielo lasci fare avrai solo problemi.

3.     Never Gonna Give You Up – Rick Astley

https://www.youtube.com/watch?v=dQw4w9WgXcQ

Non ti lascerò mainon ti dirò mai addio.

Sembra che non ne abbiamo mai abbastanza degli anni 80, ma va bene, perché Rick Astley ci ha fatto riflettere: ‘non ti lascerò mai’ non rispecchia l’attitudine della tua azienda nei confronti dei dati?

Dopo aver verificato quali dati vengono archiviati dalla tua azienda e dove (cosa che dovresti fare in ogni caso per la conformità al GDPR), potresti scoprire che stai inutilmente archiviando dei dati legacy. Che venga effettuata su disco o su nastro, l’archiviazione dei dati non è economica e sarebbe ottimo per il tuo budget o per lo spazio storage se riuscissi a liberarti di tutto ciò di cui non hai bisogno. Inoltre, si ridurrebbero anche le possibilità di violazione dei dati nel caso la tua attività fosse oggetto di un attacco hacker. Due piccioni con una fava!

Tutto ciò dovrebbe anche rientrare nella policy di conservazione dei dati, ma a tal proposito…

4.     Out of Touch – Hall & Oates

https://www.youtube.com/watch?v=s_8KR-n2fBQ

“Tu sei fuori dal mondo, io sono fuori dal tempo”.

Anche se questa straordinaria canzone di Hall & Oates ti fa pensare all’inverno del 1984, ti fa venire voglia di giocare a GTA Vice City o semplicemente di ballare, racchiude comunque un importante messaggio: le tue policy di conservazione e distruzione dei dati sono aggiornate rispetto alla tua attuale infrastruttura?

Che si tratti di uno smartphone aziendale, un server Exchange o un laptop di alto livello, devi assicurarti che le tue policy siano aggiornate, oltre a prendere in considerazione la grande quantità di dispositivi che rientrano in un’organizzazione moderna. Altrimenti, è consigliabile darsi da fare prima dell’entrata in vigore del GDPR per non rischiare di avere problemi. Per ogni dispositivo sarà necessaria una diversa modalità di cancellazione dei dati, in particolare per quanto riguarda i sistemi di storage virtuali.

5.     No Surprises – Radiohead

https://www.youtube.com/watch?v=u5CVsCnxyXg

Nessun allarme e nessuna sorpresa, per favore”. Quando ricicli, rivendi o smaltisci un dispositivo storage, l’ultima cosa che vorresti è ricevere una brutta sorpresa, vale a dire scoprire che i tuoi dati sono stati recuperati.

Per evitare che ciò accada, ascoltiamoci questa canzone tratta dall’album OK Computer, un classico del 1997, scegli un software o un hardware atti allo scopo e cancella tutto, nella certezza che nemmeno un professionista di recupero dati potrà risalire ai tuoi dati. Ricorda: nessuna traccia di dati = zero sorprese!

Ci sono altre canzoni che aggiungeresti al nostro elenco? Faccelo sapere tramite Twitter @OntrackITA

Egle_pe/www. Pixabay.com

https://pixabay.com/en/turntable-vinyl-sound-retro-stereo-1328823/

https://pixabay.com/en/service/terms/#usage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *