Go to Top

I 5 casi di recupero dati più difficili, strani e impegnativi del 2018

I 5 casi più importanti di Ontrack nel 2018

Sia che tu abbia riscontrato errori nell’aggiornamento di Windows 10, nella migrazione del backup di WhatsApp oppure sia stato vittima dell’attacco hacker subito da Marriott, senza dubbio il 2018 è stato un anno cruciale sul fronte della perdita di dati; gli specialisti di recupero dati, infatti, sono stati particolarmente impegnati.

Gli esperti di recupero dati di Ontrack nel 2018 hanno gestito le richieste di oltre 5800 clienti solo in Italia. Le cause della perdita di dati sono state molte e varie. Oltre ai classici come attacchi informatici, danni all’hardware o errori umani, ci sono stati anche dei casi particolarmente insoliti.

Per questo abbiamo riassunto in questo articolo i lavori di recupero dati più bizzarri, eccitanti e impegnativi!

1. Selfie dell’orso polare

Photo by Audun Rikardsen. All rights reserved.

Un anno fa, il famoso fotografo naturalistico norvegese Audun Rikardsen si trovava nell’arcipelago Svalbard (noto anche per la sua parte occidentale con il nome Spitsbergen) tra la Norvegia e il Polo Nord, per fotografare le foche.

Aveva impostato una fotocamera con timer automatico su un foro di respirazione per foche sul ghiaccio e si era allontanato ad aspettare l’immagine perfetta.

Mentre era in osservazione, un orso polare si è avvicinato, incuriosito dalla fotocamera. L’orso ha odorato la fotocamera e scattato una serie di immagini, prima di farla cadere nell’acqua ghiacciata, nella quale è affondata fino a 140 metri di profondità.

Un anno dopo, Audun è tornato nella stessa posizione GPS e insieme al suo team, utilizzando un drone sottomarino, è riuscito a ritrovare la fotocamera. La scheda di memoria era miracolosamente ancora intatta, quindi – con l’aiuto dei nostri esperti – è stato possibile salvare le migliori immagini.

2. Incendio distruttivo

Ontrack – All rights reserved.

Un enorme incendio ha completamente distrutto una fabbrica di un cliente ubicata nelle isole Figi e causato danni per milioni di dollari. Dalle rovine è stato recuperato un disco rigido esterno con importanti dati aziendali.

Prima di contattare Ontrack, altri due fornitori di servizi “professionali” di data recovery avevano cercato senza successo di recuperare i dati dal disco.

Il nostro ingegnere ha rapidamente compreso che i danni causati dall’incendio e dall’acqua utilizzata per spegnerlo erano gravi, ma non quanto il lavoro svolto dagli altri esperti: prima che ci lavorassero, i sigilli del disco si erano fusi, l’interno era contaminato da sporcizia e polvere e l’acqua aveva corroso il circuito stampato.

I loro tentativi di recuperare i dati avevano causato danni molto più gravi: gli “specialisti” avevano rimosso la sporcizia, lo avevano “pulito” lasciandolo sporco e gravemente graffiato e, infine, l’avevano reinserito al contrario.

Ciononostante, è strabiliante che il nostro esperto ingegnere sia riuscito a estrarre i file più importanti, che altrimenti sarebbero costati al cliente tempo e una somma ingente di denaro per recuperarli.

3. L’incidente numero 13

smartphone caduto dal 13 piano

Ontrack – All rights reserved.

Un cliente in Polonia è stato davvero molto sfortunato.

Si trovava a un party e mentre era su un pianerottolo a fumare e stava per mostrare le foto delle sue vacanze dal telefono cellulare, in un momento di disattenzione, il telefono gli era scivolato oltre la ringhiera per atterrare a terra, 13 piani più in basso.

Sebbene il telefono sia stato successivamente recuperato sul marciapiede in condizioni piuttosto precarie, il team Ontrack in Polonia non ha avuto alcun problema a recuperare il 100% dei dati del telefono.

4. Il parco divertimenti

Incendio al parco divertimenti

Ontrack – All rights reserved.

Tutt’altro che divertente all’inizio di quest’anno si è verificato un grave incendio in un parco divertimenti in Germania.

Il fuoco ha gravemente danneggiato un importante data center interno e, oltre a due server di alto livello, oltre 90 dischi rigidi sono stati inviati ai nostri colleghi nella speranza che fosse possibile salvare i dati su questi dischi.

I dischi ricevuti erano gravemente danneggiati, la copertura era in gran parte fusa ed emanavano un odore orribile.

Tuttavia, gli ingegneri tedeschi sono riusciti alla fine a creare una copia completa di tutti i file sul disco e a ricreare un database di ciò che era stato salvato sui dischi.

5. Schermo involontariamente curvo

Ontrack – All rights reserved.

Negli ultimi anni i monitor per PC curvi sono diventati di tendenza, ma uno schermo di questo tipo in un laptop è ancora piuttosto insolito.

Tuttavia, un cliente nel Regno Unito che ha lasciato il suo computer incastrato nel sedile dell’auto, ha causato l’incurvamento dello schermo del suo laptop, che ha di conseguenza perso funzionalità. Come se ciò non bastasse, il dispositivo era stato anche esposto all’acqua, causando il cortocircuito della scheda madre.

I nostri tecnici hanno isolato l’SSD, lo hanno collegato e acceso al di fuori del computer originale e collegato a un’interfaccia appositamente sviluppata da Apple.

Grazie a questa operazione, è stato recuperato il 100% dei dati e Ontrack è stata in grado di soddisfare un altro cliente.

Adesso non ci resta che attendere il 2019 e le nuove sfide che porterà!

 

Copyright immagini:
Orso Polare 1 e 2: Photos by Audun Rikardsen. All rights reserved.
All other pictures copyright by Ontrack Data Recovery.
All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *