Go to Top

Come rendere il tuo archivio su tape legacy a prova di futuro

Come preparare e gestire le problematiche dello storage su tape legacy

La migrazione dello storage sta diventando più semplice grazie alla gestione centralizzata. I problemi sorgono all’improvviso quando hai bisogno di accedere ad alcune informazioni che sono archiviate su supporti obsoleti che non possono essere letti con le soluzioni attuali. Magari hai alcuni vecchi tape LTO-2 che non hai copiato prima di effettuare l’aggiornamento ai drive LTO-5.

Qui sotto i nostri cinque consigli per essere preparati a gestire questo genere di situazioni e prevenire eventuali problemi.

1. É necessario conoscere quale tecnologia di storage si ha a disposizione

I grandi OEM (Original Equipment Manufacturer) sono sempre pronti a proporre a un cliente di passare alla generazione successiva del proprio storage e per questo molte aziende possiedono una moltitudine di formati e tecnologie diverse per l’archiviazione dei propri dati. Alcuni formati e tecnologie sono ancora supportati e potresti anche avere un’infrastruttura potenzialmente funzionante, ma probabilmente la maggior parte non lo è.

Stabilisci una policy di archiviazione e assicurati che i dati importanti siano de-duplicati e quindi trasferiti su nuovi supporti ogni volta che l’hardware viene aggiornato, o almeno su un tipo di storage cui si possa accedere in modo economico. Se identifichi un formato (come il formato LTO2) da cui non puoi recuperare i dati, definisci un piano di migrazione o consulta un fornitore di servizi ad-hoc di data recovery per il ripristino dei tape. Inoltre, identifica i dati importanti in modo da sapere dove si trovano e in quale formato.

2. Valuta lo stato di salute del tuo archivio su nastro

Per evitare di scoprire che i nastri sono danneggiati proprio nel momento in cui stai cercando di ripristinare i dati critici, è di primaria importanza testare periodicamente lo stato di salute del tuo archivio su nastro, valutando la leggibilità di alcuni nastri campione. Su un tape potrebbero esserci dati spazzatura, pertanto è importante verificare.

Dovresti inoltre controllare le funzionalità della tua soluzione tape, oltre alla capacità del reparto IT di lavorare con formati tape legacy. Se mancano le conoscenze relative ai nastri di precedente generazione o il tempo di effettuare tali test, chiedi aiuto a un professionista.

3. Verifica le capacità del tuo staff e il tempo necessario per accedere ai dati legacy

Potresti avere ancora l’attrezzatura, ma se il tuo staff IT non ha le competenze, il tempo o le soluzioni necessari per ripristinare i tape, dovrai decidere se investire tempo ed energie in tecnologie obsolete e assegnarvi delle risorse, oppure dare in outsourcing il lavoro di ripristino dei nastri a un provider esterno.
In questo caso la preparazione è fondamentale: gli interventi di restore dei dati ad hoc possono essere dispendiosi in termini di tempo e, in caso di controversie, saranno anche urgenti. Assicurati quindi che il tuo provider sia affidabile e disponga di un servizio specifico per questi casi.

4. Risparmia dismettendo le soluzioni hardware e software obsolete, ma assicurati sempre di avere un piano B!

Dismettendo la tecnologia più obsoleta potrai sicuramente ridurre i costi di manutenzione della tua infrastuttura IT. Tuttavia, se non è possibile migrare tutti i tuoi dati su una nuova tecnologia storage, dovrai comunque avere un piano B per gli eventuali casi di recupero dati.

Puoi garantire di poter ripristinare i dati legacy semplicemente con un tape restoration retainer: ti offrirà una quantità predefinita di ripristini e un livello di servizio garantito, mantenendo intatto il tuo risparmio sui costi.

5. Applica una policy di conservazione e dismetti i supporti di storage EOL in modo sicuro ed ecocompatibile

Stabilisci e applica una policy di conservazione così che i dati non siano conservati più a lungo del necessario: se non li hai più, non dovrai preoccuparti di doverli recuperare. Assicurati solo di rispettare la conformità ad eventuali leggi o regolamenti. Se  i dati hanno raggiunto il limite del periodo di conservazione, verifica che siano adeguatamente cancellati e gestiti in maniera ecocompatibile. Che si tratti di un tape, di dischi o HDD, verifica sempre che i tuoi dati siano stati cancellati in maniera permanente da un software di cancellazione o mediante demagnetizzazione.

Il recupero dei dati da vecchi supporti è il pane quotidiano in Ontrack. Ogni  giorno, nei nostri laboratori in tutto il mondo, gestiamo richieste di data recovery da diverse soluzioni storage obsolete.

Per ulteriori informazioni, consulta la pagina www.ontrack.com/it/recupero-dati-tape/

Articolo a cura di: Tom McCaffrey, Head of Product Ontrack Data Recovery

Copyright immagine: Adobe Stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *