Go to Top

Recupero dati dalle schede Compact Flash: la sfida

Recupero_dati_dalle_schede_Compact_Flash_la_sfida

In qualità di specialisti di Data Recovery, nel corso degli anni abbiamo riscontrato numerosi casi di perdita di dati da dispositivi storage basati su NAND Flash, come SSD, penne USB e le cosiddette schede CF (CompactFlash).

Anche se tutti questi supporti sono molto comuni e vengono utilizzati da diversi anni sia dai consumatori che dalle aziende, restiamo talvolta sorpresi da ciò che riferiscono i nostri clienti quando subiscono una perdita di dati.

In molti casi, i nostri clienti utilizzano una scheda Compact Flash all’interno delle proprie fotocamere digitali e subiscono la perdita dei dati mentre cercano di trasferire un gran numero di foto (o anche video) dalla fotocamera a un computer o un disco NAS.

La sfida delle Compact Flash

Talvolta accade che non è possibile copiare foto o altri dati dalle schede CF, sebbene i contenuti delle cartelle siano visualizzati correttamente (come se la scheda non avesse problemi).

In tali casi, molti dei nostri clienti restano piuttosto sorpresi dal fatto che dobbiamo dire loro che, anche se hanno visto le proprie foto, si trattava degli ultimi segni di vita della scheda Compact Flash.

In pratica, in molti di questi casi il controller NAND Flash interno della scheda CF è difettoso.

Questo piccolo controller è responsabile del modo in cui i numerosi segmenti di dati sono distribuiti sui diversi chip di storage (wear leveling).

In caso di guasto del controller, non è possibile recuperare i dati con un comune software di data recovery, perché non è più disponibile l’algoritmo relativo al modo in cui i segmenti di dati sono distribuiti.

Inoltre, talvolta l’errore non è dovuto al controller, ma ai chip di memoria. Dopo una certo periodo di tempo, essi non possono più essere letti in maniera corretta e quindi, semplicemente, il controller non riesce a leggerli.

Tuttavia, dato che i clienti sono riusciti a vedere le proprie foto prima della rottura del dispositivo, restano abbastanza sorpresi dallo sforzo che è necessario fare per recuperare i dati: in molti casi, ma non in tutti, i professionisti del recupero dati come quelli di Ontrack Data Recovery sono in grado di recuperare i dati con strumenti e software specifici, senza dover avere il controller originale. Ad ogni modo, ciò dipende molto dalla marca e dalle specifiche del prodotto.

In qualsiasi caso, un progetto di data recovery di questo genere non è un’attività semplice e sono necessarie competenze specifiche per recuperare i dati.

Pertanto, vale la pena chiedersi se le foto o gli altri dati in questione valgono l’investimento, quando si contatta un servizio di data recovery. Ma solo voi avete la risposta a questo quesito!

 

Copyright immagine: Ontrack Data Recovery

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *