Il RAID 0 è una soluzione tecnologica che associa due o più hard drive insieme, per creare una singola unità logica. Il clustering del disco mira a migliorare le prestazioni per la lettura e la scrittura dei dati.

Definizione di RAID 0

Il RAID 0 è una soluzione che consiste nell'associare almeno 2 hard disk, tipicamente tramite striping (sezionamento). I dati sono distribuiti su diversi dischi fisici in modo da velocizzarne l'elaborazione. Le prestazioni del sistema aumentano proporzionalmente al numero di hard disk concatenati, purché si utilizzi un controller RAID dedicato. I dati sono divisi in pacchetti, ciascuno dei quali è scritto in successione sui dischi montati in serie.

Vantaggi principali di un Sistema RAID 0

La distribuzione dei file consente a due o più hard disk di lavorare contemporaneamente e grazie alla condivisione della cache la latenza viene significativamente ridotta. Le prestazioni del Sistema incrementano notevolmente con l'aumento del numero dei dischi che costituiscono il cluster finale. Un ulteriore vantaggio del RAID 0 è la facilità con cui si può aumentare la capacità totale. In caso di differenze tra le capacità dei dischi, quello con il volume minore determina la dimensione totale del cluster. 

Il RAID 0 consente di ottenere una partizione di grandi dimensioni sfruttando la possibilità di avere diversi hard disk a disposizione. Rispetto agli SSD più performanti presenti oggi sul mercato, il RAID 0 a parità di capacita è una soluzione accessibile, in quanto gli hard disk hanno un costo inferiore rispetto alle memorie a stato solido. Inoltre, si evita il ciclo write/delete tipico degli SSD.

Chi usa i RAID 0?

I Sistemi RAID 0 vengono utilizzati in tutti gli ambienti in cui la velocità di elaborazione dei dati è fondamentale. A casa propria, i videogiocatori più irriducibili, utilizzano solitamente questa configurazione per guadagnare millisecondi preziosi in termini di latenza.

Nel mondo business, il RAID 0 permette alle agenzie multimediali di elaborare efficacemente i contenuti video, dato che la velocità di scrittura sui dischi singoli è di solito il punto debole del processo. È importante sapere che il RAID 0 non è fault-tolerant: il guasto di un singolo disco causerà la perdita di tutti i dati. Tale Sistema non è adatto per memorizzare dati sensibili, come per soluzioni database servers e web hosting.

Confronto tra RAID 0, RAID 1 e RAID 5

Il Sistema RAID 0 è focalizzato sulla distribuzione dei dati allo scopo di velocizzarne l'elaborazione. Il RAID 1, invece, esegue il mirroring su due o più dischi per ridurre il rischio di perdita di dati: ogni byte viene scritto e duplicato su tutti i dischi. In questo modo, la sicurezza aumenta e in caso di errore i dati non verranno corrotti. Non ci sono vantaggi in termini di prestazioni e la capacità di archiviazione si riduce del 50%, sebbene questo sia la configurazione più sicura di RAID.

Il RAID 5 è stato creato allo scopo di guadagnare più sicurezza e al contempo assicurare delle buone prestazioni. Pertanto, tale sistema mantiene la suddivisione dei dati tramite striping, ma i dati di parity sono distribuiti uniformemente tra tutti i dischi che lo compongono. In caso di guasto di un disco, i dati di parity consentono di recuperare i bit dei dati mancanti. La performance di lettura dei dischi è assicurata, ma la scrittura dei dati rallenta a causa delle modifiche e del calcolo della parity su diversi blocchi di dischi. Occorrono almeno tre hard disk per realizzare un RAID 5.

Inizia ora a recuperare i tuoi dati

Contatta il nostro team di specialisti. Ontrack è in grado di servire qualunque tipologia di cliente, dalle imprese di ogni dimensione agli enti della pubblica amministrazione fino ai singoli professionisti e l’utente privato.

 

Numero Verde 800 44 00 33 Richiedi un preventivo