Go to Top

Come gestire e ripristinare i tape legacy in maniera efficace

Gestire_ripristinare_tape_legacy - Ontrack

Nessun altro supporto di storage è più affidabile del tape digitale. Ciò che sembra una buona notizia per chiunque lavori nell’amministrazione IT e deve occuparsi della crescente quantità di dati archiviandoli per 10, 20 o più anni per motivi normativi e legali, può trasformarsi in un problema serio se i dati sono necessari dopo un decennio.

In molti casi rimangono solo i nastri, mentre l’hardware e il software di backup originale non sono più disponibili da tempo. Allora l’azienda si trova ad affrontare un’enorme sfida, cercando di ripristinare di nuovo l’accesso ai tape.

Qual è il modo migliore per gestire i nastri archiviati al fine di poter accedere a determinati file dopo molti anni?

Nei fatti, le aziende hanno solo tre alternative disponibili:

Primo, conservare i dati e archiviarli a tempo indeterminato. La conseguenza di questa soluzione è che i volumi di dati continuano a crescere ed è necessario mantenere in funzione l’intera attrezzatura, sia hardware che software.

Secondo, trascurare l’archiviazione dei dati. Ciò significa che anche se i nastri sono archiviati, l’azienda si astiene dal verificare se l’attrezzatura è utilizzabile in caso di necessità. Va da sé che in questo caso si corre un bel rischio.

La terza possibilità consiste nel verificare costantemente i nastri e il relativo contenuto e qualora i requisiti di storage non siano più in vigore e i file siano giunti al proprio fine vita, potranno essere cancellati in sicurezza.

È chiaro che solo la terza opzione rappresenta la scelta più sicura per un’azienda, mantenendo d’altra parte i costi relativamente bassi. In realtà, spesso succede che le aziende optino per la seconda soluzione, perché in questo modo si augurano di non dover affrontare delle spese, se nessuno chiede tali dati entro la scadenza del periodo di archiviazione.

Tuttavia, in Ontrack abbiamo visto, nel corso degli anni, molti casi di aziende anche grandi che hanno ricevuto richieste di dati dai nastri archiviati per questioni di business, legali o normative, e non sono state in grado di accedere in tempo ai tape.

Questa affermazione trova corrispondenza in uno studio condotto 3 anni fa nei paesi di lingua tedesca, in cui abbiamo chiesto a 720 amministratori IT come gestiscono i propri archivi di tape legacy: il 24% non disponeva più dell’attrezzatura necessaria per accedere ai nastri, il 25% non conosceva il contenuto dei nastri e il 22% ha affermato che, in caso di richiesta, non era in grado di accedere ai dati.

In molti casi, comunque, le aziende di oggi hanno il disperato bisogno di una soluzione affidabile per gestire le richieste di recupero dei dati da tape legacy in un lasso di tempo ragionevole.

Come gestire e ripristinare i dati dai tape legacy se non si ha più a disposizione l’attrezzatura?

In Ontrack abbiamo assistito negli anni a molti casi in cui le aziende non erano in grado di accedere ai dati da nastri legacy, perché non avevano più l’attrezzatura necessaria. Per questo offriamo ai nostri clienti una soluzione su misura per la gestione dei nastri e le necessità di recupero.

Nel caso un cliente abbia grandi quantità di nastri nei propri archivi e non disponga più dell’attrezzatura, una soluzione di gestione dei nastri comprende queste procedure:

1. Proof of concept

In questa fase i nostri specialisti testano e verificano diversi nastri del cliente in relazione al loro stato, verificano se sono leggibili o meno, se possono essere riparati o meno e se i dati possono essere letti con il software di backup utilizzato in precedenza.

Per esempio, i dati di cui viene effettuato il backup sui nastri con un Tivoli Storage Manager rappresentano un progetto totalmente differente rispetto ai dati su nastro salvati con Commvault. I nostri tecnici devono quindi verificare con quale versione del software di backup è possibile recuperare i dati e con quale tipo di hardware.

Se i tecnici di Ontrack Data Recovery sono in grado di leggere i nastri o possono ripararli, allora è il momento di definire passare alal fase seguente.

2. Soluzione su misura per la gestione dei nastri

Come già detto in precedenza, ogni azienda ha i propri motivi per i quali i dati sui tape legacy dovrebbero essere accessibili. Pertanto, non esiste una soluzione generale per la gestione dei nastri e il ripristino dei dati che soddisfi le esigenze di ogni cliente.

Per alcune aziende è meglio avere un contratto di conservazione permanente con Ontrack, che garantisca che i tecnici recupereranno on demand i dati dai nastri all’interno del periodo del contratto, con una quantità fissa di nastri e TB di dati inclusi.

Si tratta solo di una possibilità di come un’azienda potrebbe gestire i dati sui nastri legacy. Un’altra azienda potrebbe aver bisogno di un differente approccio per le proprie ncecessità.

In un prossimo articolo presenteremo un’altra possibile soluzione di Ontrack per il recupero dati dai nastri che potrebbe soddisfare le esigenze di molte aziende.

In ogni caso, le aziende che non sono in grado di accedere ai dati dai tape legacy dovrebbero mettersi in contatto con un fornitore specializzato nella gestione dei nastri e un fornitore di servizi di recupero dati dai nastri come Ontrack Data Recovery per cercare la soluzione adeguata.

Per ulteriori informazioni sulle offerte per la gestione dei nastri di Ontrack consultate https://www.ontrack.com/it/recupero-dati/recupero-dati-da-tape/

Copyright immagine: Ontrack Data Recovery

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *