Go to Top

Intervista a Peter Böhret, Chief Operating Office di Ontrack

Peter Böhret Chief Operating Office Ontrack

Da quanto tempo lavora in Ontrack?

23 anni!

Cosa rende Ontrack differente dai suoi concorrenti?

Le persone fanno la differenza. I nostri tecnici si preoccupano dei dati dei nostri clienti e trattano ogni caso come se fosse il più importante. Sorprendiamo i nostri clienti ogni giorno e facciamo sempre uno sforzo in più per fare in modo che accada l'”impossibile”.

Cosa vede nel futuro del data recovery?

Credo che ci sarà una crescente esigenza di “comodità” da parte dei consumatori in futuro. I clienti vorranno un recupero dati self-service, cui potranno accedere con la stessa semplicità con cui acquistano un capo di abbigliamento online. Ci sarà anche una crescente esigenza di servizi di data recovery premium per singoli dispositivi business, oltre che per i sistemi storage più grandi. Infine, ritengo che ci sarà un consolidamento nel mercato del recupero dati: mentre noi continuiamo a crescere, i competitor più piccoli lasceranno il mercato.

La storia che ama di più raccontare in relazione a Ontrack?

Un manager IT di un’azienda di media grandezza venne da noi con un caso drammatico di perdita di dati sul principale server aziendale. Ci disse: “se potete recuperare quei dati, farò 3 cose: andrò in chiesa, organizzerò una festa in azienda e vi porterò una bottiglia magnum di champagne!” 3 settimane dopo arrivò nel nostro ufficio con la magnum che ci aveva promesso!

Perché ritiene che Ontrack sia un ottimo luogo di lavoro?

Aiutiamo i clienti ogni giorno, quando hanno più bisogno. Questa è la base per un grande lavoro di squadra e per una straordinaria cultura, il che fa una grande differenza.

Qual è il suo film preferito?

Gandhi

Il suo cibo preferito?

La carne di cervo cotta lentamente e servita con gnocchi boemi, cavolo rosso, pere e bacche rosse. Il tutto accompagnato da un bicchiere di Montepulciano d’Abruzzo.

I suoi hobby?

Trekking, sci, viaggi. E poi sono un membro attivo nella nostra parrocchia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *