Che cos'è un piano di Disaster Recovery e perché è necessario?

giovedì 4 giugno 2020 di Tilly Holland

DST_image_970x300_hero-virtualization

La quantità sempre crescente di dati che le aziende accumulano è diventata una sfida enorme negli ultimi due anni. Le aziende elaborano, trasferiscono e archiviano una quantità di dati sempre maggiore. Tuttavia, l'aumento delle informazioni digitali comporta un rischio più significativo dal punto di vista della perdita di dati. È quindi fondamentale che le aziende dispongano di un chiaro piano di Disaster Recovery che consenta il ripristino o la continuazione dell'infrastruttura tecnologica vitale qualora si verifichi una calamità naturale o un evento disastroso causato dall'uomo.

Che cos'è un piano di Disaster Recovery?

Un piano di Disaster Recovery è un insieme documentato di linee guida e approcci che descrivono come un'azienda potrebbe riprendere rapidamente la propria operatività in seguito al verificarsi di eventi disastrosi, come una calamità naturale o un errore umano. Parte del più ampio piano di continuità operativa (Business Continuity Plan), il piano di Disaster Recovery dovrebbe essere applicato a tutti gli aspetti di un'azienda che dipendono da un'infrastruttura IT funzionante. Lo scopo principale di un piano di Disaster Recovery è di consentire al reparto IT di un'azienda di recuperare una quantità di dati e funzionalità di sistema sufficienti al fine di garantire l'operatività, anche a livello minimo.

Per avviare un piano di Disaster Recovery, una organizzazione deve effettuare un'analisi dell'impatto sull'attività aziendale che consenta di mettere in evidenza le funzioni aziendali più critiche e i requisiti per ripristinarle in seguito a un evento disastroso.

Le aziende dovrebbero non solo sviluppare un piano di Disaster Recovery, ma anche testarlo e formare i propri dipendenti per assicurarsi che abbiano una conoscenza approfondita di esso prima che si verifichi realmente un evento disastroso.

Cosa è necessario considerare nello sviluppo di un piano di Disaster Recovery?

  1. Un piano di Disaster Recovery valido dovrebbe coprire un'ampia gamma di potenziali incidenti. Ad esempio, guasti hardware, calamità naturali, criminalità informatica ed errore umano.
  2. Il processo di sviluppo del piano di Disaster Recovery dovrebbe coinvolgere il maggior numero possibile di dipendenti dell'azienda. Includere una varietà di dipendenti provenienti da diverse aree dell'azienda nello sviluppo del piano, è più probabile che consenta di scoprire vulnerabilità e insidie in aree che altrimenti potrebbero essere trascurate.
  3. Testare il piano di Disaster Recovery è fondamentale. Durante lo sviluppo del piano è necessario assicurarsi di inserire diversi test pianificati. Un approccio volto a ridurre i costi ed evitare i test comprometterà la sicurezza dell'azienda. Il costo di un evento disastroso sarà molto più alto rispetto al prezzo di test rigorosi, quindi è necessario dare un'importanza rilevante al budget.
  4. Assicurarsi di mantenere aggiornato il piano. Gli aggiornamenti frequenti non sono necessari solo per il software e l'hardware della propria azienda, ma anche per il piano di Disaster Recovery. I piani di Disaster Recovery di molte aziende potrebbero contare oltre 100 pagine. In questi casi, è preferibile suddividere il piano in vari passaggi dettagliati separati per garantire un aggiornamento frequente.
  5. Non è necessario disporre di un piano di Disaster Recovery di centinaia di pagine. Per alcune aziende, un semplice documento da due a dieci pagine di solito è sufficiente per analizzare tutti i passaggi necessari che descrivono come reagire in caso di evento disastroso o perdita di dati. Tuttavia, ciò dipende dalla struttura dell'azienda e dalle relative regole e normative. Se il DRP diventa molto lungo, suggeriamo di creare una versione ridotta separata disponibile per tutti i dipendenti, che includa i passaggi essenziali da prendere immediatamente in considerazione. 

Se vuoi scoprire come pianificare l’IT Disaster Recovery Plan (IT DRP) per la tua azienda e considerare quali sono le attività chiave per riprendere il normale flusso produttivo, in caso di emergenza alla tua infrastruttura IT, scarica gratuitamente il nostro template qui.

Load more comments
Thank you for the comment! Your comment must be approved first


Nuovo codice